play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
  • cover play_arrow

    Casa Radio La prima radio con la Casa nel nome e nel cuore

Ultim'ora - ADNKRONOS

Bimba scomparsa a Firenze, nell’ex hotel Astor i ‘cacciatori’ dei Carabinieri

todayOttobre 18, 2023

Sfondo
share close

(Adnkronos) – E' iniziato oggi, presso l'ex hotel Astor di via Maragliano a Firenze, un nuovo sopralluogo dei Carabinieri, nell'ambito dell'inchiesta che ipotizza il sequestro a scopo di estorsione di Mia Kataleya Chiclo Alvarez, la bambina peruviana di 5 anni scomparsa dallo scorso 10 giugno. Vi partecipano anche gli investigatori dello squadrone 'Cacciatori Calabria', un'unità speciale dell'arma dei Carabinieri, addestrato a operare in contesti di sequestri di persona e di lotta alla criminalità organizzata.  Il nuovo sopralluogo viene definito dagli inquirenti più invasivo dei precedenti, con l'obiettivo di ricercare possibili tracce della piccola Kata in ogni intercapedine dell'albergo occupato al momento della sua sparizione da oltre cento persone, soprattutto cittadini sudamericani e romeni. L'ipotesi principale dei pubblici ministeri titolari dell'indagine è che Kata sia stata vittima di un sequestro di persona a scopo di estorsione, che potrebbe essere derivato dai rapporti conflittuali tra gli occupanti le stanze che sono poi sfociati nei reati commessi durante l'occupazione dell'ex hotel. Alcuni stretti familiari della bambina sono risultati coinvolti in quei reati e sono stati arrestati. Tra le ipotesi sul rapimento di Kata c'è, infatti, anche quella di una ritorsione per il racket degli alloggi nell'ex albergo, che nel mese di agosto ha portato in carcere lo zio materno della piccola scomparsa. Neppure la pista della pedofilia è del tutto esclusa dall'inchiesta.  Il sopralluogo iniziato questa mattina nell'ex hotel Astor è mirato, secondo quanto si apprende da fonti investigative, alla ricerca nell'edificio di tracce della bambina o di chi l'avrebbe rapita. Intanto Miguel Angel Chiclo Romero, padre della piccola Kata, è stato arrestato, ieri sera, in esecuzione di una misura cautelare della Corte di Appello di Firenze, che ha sostituito la precedente misura dell'obbligo di firma a cui l'uomo doveva sottostare da quando, nel giugno scorso, aveva ottenuto la scarcerazione. "La motivazione – ha spiegato l'avvocato Filippo Zanasi, difensore di fiducia – è da individuarsi nella mancata presentazione di Miguel presso la caserma dei carabinieri in due sole occasioni, in altre due si è presentato in ritardo. Tuttavia siamo fiduciosi di chiarire quanto prima che tale condotta non è stata attuata per sottrarsi all'obbligo bensì per le ragioni che rappresenteremo puntualmente alla magistratura". "L'arresto – ha aggiunto l'avvocato Sharon Matteoni, legale della mamma di Kata – non ha nulla a che vedere con l'indagine che riguarda la scomparsa della bambina". Per eseguire degli esami genetici, la Procura aveva indagato cinque persone, tra le quali due zii della bambina scomparsa: uno paterno, il 19enne Marlon Edgar Chicclo, e uno materno, Abel Alvarez Vasquez, il quale attualmente è in carcere nell'ambito dell'inchiesta su un presunto racket delle stanze nell'ex hotel Astor. Gli altri erano due cugine peruviane, la 31enne Rosmery Puillco Oquendo e la 26enne Sharllin Jhilary Huaman Oquendo, e un cittadino romeno, Alberto Dinu Sorin, 29 anni. Erano sospettati di essere coinvolti nella sparizione della piccola Kata che gli investigatori ipotizzavano potesse essere stata portato via dentro o dei trolley o a una valigia oppure soppressa all'interno dello stabile occupato. Ma le tracce di sangue trovate sui rubinetti di tre stanze dell'ex hotel Astor di via Maragliano a Firenze non sono poi risultate appartenenti a Kata. E neanche nei due trolley e nella valigia sequestrati il 17 giugno sono state rilevate tracce biologiche riconducibili alla piccola secondo la conclusione dei primi esami genetici eseguiti dal medico legale Ugo Ricci, responsabile dell'Equipe Genetica Forense dell'Azienda Ospedaliero Universitaria di Careggi, incaricato dalla Procura che indaga per sequestro di persona a scopo di estorsione. Tre dei cinque indagati erano stati ripresi dalle telecamere fuoriuscire, rispettivamente, con una valigia e con due trolley – che per dimensioni avrebbero potuto occultare la bambina – dall'hotel Astor il 10 giugno dopo la scomparsa di Mia Kataleya, oggetti che gli stessi avrebbero poi utilizzato anche il 17 giugno in occasione dello sgombero dello stabile. Gli altri due indagati, gli zii, erano occupanti di tre distinte stanze nei cui rubinetti dei bagni erano state individuate tracce di una presunta sostanza ematica l'11 giugno in occasione della perquisizione effettuata il giorno seguente il sequestro della piccola Kata. Secondo gli investigatori sarebbe stato il mercato dell'affitto delle stanze nello stabile occupato il motivo della presunta ritorsione che si sarebbe abbattuta sulla bimba. Il "racket delle camere" è, del resto, un'altro filone di indagine seguito dagli inquirenti nell'inchiesta principale legata al sequestro di persona, che all'inizio di agosto ha portato a quattro misure cautelari, con la detenzione in carcere dello zio materno di Kata. —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Scritto da: Redazione

Rate it

CASA RADIO powered by Bricks Advisoring and Consulting srls

Via Adriano Fiori 20/c – Roma – Partita Iva 15463941003 – Tel. +39 0621701498 – email: info@casaradio.it

Iscrizione al Tribunale Ordinario di Roma Sezione per la Stampa e l’Informazione al numero 40/2023 

LICENZA SIAE NUMERO: 202100000684

LICENZA ITSRIGHT NUMERO: 0012816

LICENZA SCF NUMERO: 65/5/22

CONTATTI

ufficiostampa@casaradio.it

commerciale@casaradio.it

eventi@casaradio.it

0%