play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
  • cover play_arrow

    Casa Radio La prima radio con la Casa nel nome e nel cuore

Salute e Benessere - ADNKRONOS

Deficit ormone crescita etĂ  pediatrica, trattamento da quotidiano a settimanale

todayOttobre 18, 2023

Sfondo
share close

(Adnkronos) – Somatrogon, l’innovativo ormone della crescita a lunga durata d’azione per il trattamento del deficit di GH in etĂ  pediatrica, sviluppato da Pfizer, ha ottenuto la rimborsabilitĂ  nel nostro Paese. La nuova opzione terapeutica, che consente ai piccoli pazienti di passare da un’iniezione giornaliera di trattamento a una alla settimana, è stata presentata oggi da Pfizer in un incontro con i media a Roma, dedicato ad approfondire aspetti clinici e psicologici di una patologia rara la cui prevalenza va da 1/4000 a 1/10.000 bambini.  "Sono passati 35 anni da quando il primo ormone della crescita ricombinante per trattare il deficit di GH in etĂ  pediatrica è stato reso disponibile ai pazienti e agli operatori sanitari – afferma Barbara Capaccetti, direttore medico Pfizer Italia – In tutti questi anni l’industria farmaceutica ha continuato a ricercare nuove formulazioni per poter ridurre l’impatto della terapia sulla qualitĂ  di vita dei piccoli pazienti e delle loro famiglie e migliorare l’aderenza al trattamento. Oggi, finalmente, siamo di fronte al primo e innovativo ormone della crescita a lunga durata d'azione per il deficit di GH, che ricordiamo essere una patologia rara con importanti ricadute psicologiche. Come Pfizer siamo entusiasti di essere riusciti a innovare lo standard di cura e di poter offrire una nuova opzione terapeutica in linea con il nostro scopo: Innovazioni che cambiano la vita dei pazienti”. La nuova opzione terapeutica – si legge in una nota – riduce significativamente l'onere del trattamento, con potenziali vantaggi quali: riduzione della frequenza delle iniezioni, potenziale miglioramento dei risultati clinici grazie a una maggiore aderenza, riduzione del carico della malattia sul paziente, sulla famiglia e su chi lo assiste, nonchĂ© miglioramento della tollerabilitĂ  e dell'accettabilitĂ  del trattamento.  “La somministrazione giornaliera dell’ormone della crescita, sebbene sia sicura ed efficace, richiede il coinvolgimento e la perseveranza della famiglia e del paziente per la sua corretta conformitĂ  fino a quando il bambino completa la sua crescita – sottolinea Marco Cappa, responsabile dell'Area Ricerca e Terapie Innovative per le Endocrinopatie ospedale Bambino GesĂą di Roma – Si stima che fino a due terzi dei bambini con deficit di GH possano perdere piĂą di una dose giornaliera a settimana. Diagnosi precoce e corretta, osservazione del trattamento sono invece essenziali per ottenere i risultati desiderati e normalizzare la crescita. In questo senso la novitĂ  di un GH a lunga durata d’azione come somatrogon ha la potenzialitĂ  di migliorare la scarsa aderenza e migliorare la qualitĂ  di vita, che sono bisogni insoddisfatti fondamentali nella popolazione pediatrica con deficit di GH. Può aiutare a ridurre lo stress della terapia quotidiana e determinare un minor burden nei caregiver”.  Il deficit di GH (GHD) è una malattia rara, caratterizzata dall'inadeguata secrezione dell'ormone della crescita dall'ipofisi. Può essere congenita o acquisita, sebbene nella maggior parte dei casi la sua eziologia sia sconosciuta e venga chiamata GHD idiopatica. Se non diagnosticato e trattato in tempo provoca un ritardo della crescita nei bambini e negli adolescenti, fino a determinare una crescita insufficiente e può influenzare la mineralizzazione scheletrica, la forza muscolare e il metabolismo dei lipidi. Nel corso dell’incontro gli esperti si sono, inoltre, soffermati sulle difficoltĂ  che bambini e adolescenti affetti da GHD possono incontrare in relazione al loro benessere psicologico e alle relazioni sociali, e come queste possono talvolta incidere su una ridotta aderenza alla terapia.  “La complessitĂ  del regime terapeutico, la dimenticanza, il disagio dell’iniezione, le barriere di natura psicologica come la social fobia, lo stigma o il burden del caregiver sono tra i fattori che condizionano il fallimento dell’aderenza terapeutica e costituiscono un carico significativo di malattia in termini clinici, sociali ed economici. In questo senso – spiega Serena Barello, professore associato di Psicologia della Salute all'UniversitĂ  di Pavia, Dipartimento di Scienze del Sistema Nervoso e Comportamento – il trattamento settimanale del deficit di GH, rispetto a quello quotidiano, può favorire una nuova normalitĂ , sia nei pazienti e sia nei familiari, che possono così calibrare meglio la loro routine, gestire con piĂą tranquillitĂ  e meno stress il trattamento, e di conseguenza elaborare il processo di accettazione e adattamento alla malattia”. La comprensione delle conseguenze del deficit di GH, la consapevolezza anche delle cause e dei fattori che determinano una scarsa aderenza, sono fondamentali per supportare meglio i piccoli pazienti e i loro familiari e indirizzarli verso una diagnosi e il trattamento precoce. “Ancora oggi, troppo spesso, la diagnosi di deficit di GH arriva in ritardo, per lo piĂą perchĂ© vengono sottovalutati o non vengono colti affatto alcuni facili campanelli d’allarme – conclude Cinzia Sacchetti, presidente Afadoc, Associazione Famiglie di Soggetti con Deficit dell’Ormone della Crescita ed altre Patologie Rare – Ampliare la conoscenza di questa malattia rara nella popolazione significa consentire a molte piĂą persone di arrivare in tempo alla diagnosi e portare avanti un corretto trattamento. Una soluzione long acting può sicuramente facilitare la gestione della terapia. Le problematiche legate a questa malattia rara e alla sua gestione non sono sempre ben evidenti, per questo è determinante diffonderne quanto piĂą possibile la conoscenza, affinchĂ© i genitori comprendano quanto sia importante controllare la crescita dei propri figli e i pediatri di famiglia sappiano indirizzarli e guidarli verso la figura dello specialista". La sicurezza e l'efficacia di somatrogon – conclude la nota – sono state dimostrate in uno studio randomizzato di fase 3 condotto in piĂą di 20 paesi per confrontare la sicurezza e la sua efficacia rispetto alla somatropina somministrata una volta al giorno, su un campione di 224 bambini in etĂ  prepuberale con deficit di GH non trattato. Lo studio ha raggiunto il suo endpoint primario di non inferioritĂ  di somatrogon rispetto alla somatropina, misurato dalla velocitĂ  di crescita annuale a 12 mesi. Il nuovo ormone della crescita, sviluppato da Pfizer, è stato ben tollerato nello studio e ha avuto un profilo di sicurezza paragonabile a quello della somatropina. Se si dimentica una dose è possibile somministrare somatrogon entro 3 giorni (72 ore). —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Scritto da: Redazione

Rate it

CASA RADIO powered by Bricks Advisoring and Consulting srls

Via Adriano Fiori 20/c – Roma – Partita Iva 15463941003 – Tel. +39 0621701498 – email: info@casaradio.it

Iscrizione al Tribunale Ordinario di Roma Sezione per la Stampa e l’Informazione al numero 40/2023 

LICENZA SIAE NUMERO: 202100000684

LICENZA ITSRIGHT NUMERO: 0012816

LICENZA SCF NUMERO: 65/5/22

CONTATTI

ufficiostampa@casaradio.it

commerciale@casaradio.it

eventi@casaradio.it

0%