play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
  • cover play_arrow

    Casa Radio La prima radio con la Casa nel nome e nel cuore

Ultim'ora - ADNKRONOS

Gaza, le conseguenze della strage in ospedale: accuse incrociate Hamas-Israele

todayOttobre 18, 2023

Sfondo
share close

(Adnkronos) – Strage all'ospedale al-Ahli Arabi di Gaza, dove centinaia di persone ieri sono morte dopo che la struttura che ospitava migliaia di sfollati è stata colpita da un razzo o da un missile. E sull'attacco è scambio di accuse, con le autorità palestinesi che accusano Israele e Tel Aviv che punta il dito contro la Jihad. Il portavoce del ministero della Sanità palestinese, Shraf Al-Qudra, ha definito la situazione successiva all'esplosione come "indescrivibile", riporta la Cnn. "Gli equipaggi delle ambulanze stanno ancora rimuovendo parti di corpi", ha detto ancora, sottolineando che "la maggior parte delle vittime sono bambini e donne" e che il numero delle vittime e dei feriti "supera le capacità delle squadre mediche e delle ambulanze". "I medici hanno eseguito interventi chirurgici a terra e nei corridoi, alcuni di loro senza anestesia e un gran numero di feriti sono ancora in attesa di essere operati, le équipe mediche stanno cercando di salvare loro la vita in terapia intensiva", ha aggiunto.  L'ospedale, situato nel centro di Gaza City, ospitava migliaia di sfollati che erano stati evacuati, ha affermato in una nota il ministero della Sanità palestinese. Molte vittime sono ancora sotto le macerie, si spiega. Hamas, che controlla l'enclave, ha detto che più di 500 persone sono state uccise dall'esplosione. In una stima precedente, il ministero della Sanità palestinese aveva parlato di 200-300 persone uccise. Le vittime a Gaza negli ultimi 10 giorni hanno ormai superato il numero delle persone uccise durante i 51 giorni del conflitto Gaza-Israele nel 2014, sottolinea la Cnn. Le autorità palestinesi e Hamas hanno attribuito l'attacco mortale ai bombardamenti aerei israeliani in corso. Ma le forze di difesa israeliane hanno "categoricamente" negato qualsiasi coinvolgimento nell’attacco all’ospedale, puntando invece il dito sul "fallito lancio di razzi" da parte del gruppo palestinese della Jihad islamica, pubblicando un video come prova delle accuse. L'assenza di un cratere nella zona dell'ospedale, inoltre, secondo Israele dimostrerebbe che la struttura non è stata colpita da un raid aereo, ma è stata vittima di un grande incendio. L'Idf ha anche diffuso un filmato in cui si vede ciò che resta dell'ospedale e il suo parcheggio in fiamme. ''Generalmente gli attacchi israeliani lasciano un grande buco nel terreno'', ha ricordato l'esercito israeliano. Gli Stati Uniti, spiega la Cnn, stanno intanto analizzando le prove d'intelligence sull'esplosione fornite da Israele per capire meglio cosa sia successo. Diversi paesi arabi hanno condannato duramente Israele in seguito all'esplosione mentre sono scoppiate proteste in Medio Oriente e Nord Africa. La Giordania ha quindi annullato il vertice previsto per oggi tra il presidente americano Joe Biden e i leader di Giordania, Egitto e Autorità palestinese. Il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas tornerà quindi a Ramallah per un incontro urgente della leadership palestinese. "La Giordania continuerà a lavorare con tutti in modo che, quando si terrà il vertice, sarà in grado di ottenere ciò che le viene richiesto, ovvero fermare la guerra, fornire sostegno umanitario alla popolazione di Gaza e mettere la fine a questa crisi", ha intanto affermato il ministro degli Esteri giordano, Ayman Al-Safadi. "Al momento non può essere fermata" la guerra tra Hamas e Israele, ed è per questo che la Giordania ha deciso di annullare il summit previsto per oggi, si legge ancora in una nota diffusa dal ministro degli Esteri giordano, che accusa Israele di aver compiuto ''massacri''. "Il modo in cui comunicheremo la nostra posizione politica in questo conflitto determinerà il ruolo dell'Europa nel mondo, per molti anni. Ho sentito la voce della moschea al-Azhar del Cairo. Mi ha preoccupato enormemente, perché questo conflitto sta purtroppo portando verso un conflitto tra il mondo musulmano e il mondo cristiano". Lo sottolinea l'Alto Rappresentante dell'Ue Josep Borrell, intervenendo nella plenaria del Parlamento Europeo a Strasburgo. "E non possiamo permetterlo – continua – perché da questo dipende la sicurezza delle nostre strade e perché da questo dipendono anche gli equilibri geopolitici mondiali. Dobbiamo fare uno sforzo gigantesco per evitare questa deriva, per evitare che il conflitto si estenda al confine con il Libano".  "Ieri parlavo con il ministro iraniano, come tanti altri ministri con i quali sono costantemente in contatto da quando in Oman abbiamo raggiunto un accordo su una comunicazione congiunta tra i paesi del Golfo e l'Unione Europea, che diceva una cosa fondamentale che credo debba guidare la nostra azione: fermezza, umanità, coerenza e impegno politico per uscire da questa situazione e costruire una pace duratura", conclude. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Scritto da: Redazione

Rate it

CASA RADIO powered by Bricks Advisoring and Consulting srls

Via Adriano Fiori 20/c – Roma – Partita Iva 15463941003 – Tel. +39 0621701498 – email: info@casaradio.it

Iscrizione al Tribunale Ordinario di Roma Sezione per la Stampa e l’Informazione al numero 40/2023 

LICENZA SIAE NUMERO: 202100000684

LICENZA ITSRIGHT NUMERO: 0012816

LICENZA SCF NUMERO: 65/5/22

CONTATTI

ufficiostampa@casaradio.it

commerciale@casaradio.it

eventi@casaradio.it

0%