play_arrow

keyboard_arrow_right

Listeners:

Top listeners:

skip_previous skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
  • cover play_arrow

    Casa Radio La prima radio con la Casa nel nome e nel cuore

Aziende - Comunicati ADNKRONOS

L’Associazione Italiana Wedding Planner all’incontro in Senato sulla Legge 4

todayOttobre 30, 2023 1

Sfondo
share close

(Adnkronos) – Clara Trama, presidente AIWP sottolinea l’importanza della regolamentazione delle professioni non riconosciute e della formazione Roma, 30 ottobre 2023. Fare un bilancio dei primi 10 anni di applicazione della legge 4/2013. Era questo il tema dell’incontro tenutosi a Roma, lo scorso 24 ottobre, presso la Sala Zuccari del Senato della Repubblica su iniziativa della Senatrice Ylenia Zambito in collaborazione con UNI, ACCREDIA, ASSOTIC e CONFORMA e con il Patrocinio del Ministero delle Imprese e del Made in Italy. La Legge 4/2013 rappresenta un unicum nel panorama europeo e contiene la regolamentazione delle professioni non riconosciute, cioè quelle senza albo e non ordinistiche. All’evento ha partecipato anche l’Associazione Italiana Wedding Planner (AIWP), da sempre in prima fila nella promozione della formazione e della certificazione della professionalità. “I numeri riportati durante l’evento – spiega Clara Trama, presidente di AIWP – confermano quanto sia importante avere regole certe e condivise nei diversi settori. Si parla di 210mila professionisti non iscritti ad Albi, Ordini o Collegi che hanno scelto le norme UNI per qualificarsi sul mercato affidandosi agli 84 organismi accreditati per ottenere la certificazione indipendente della propria competenza. Per i professionisti, la certificazione può confermare la loro competenza e professionalità, fornendo un riconoscimento ufficiale delle loro abilità e conoscenze. Ciò può aumentare la loro credibilità e la fiducia dei clienti nel loro lavoro. Per i clienti o i consumatori, la certificazione professionale può fornire una garanzia di qualità e competenza nel servizio ricevuto; può aiutare a identificare i professionisti qualificati e affidabili, riducendo il rischio di scelte errate o di servizi di bassa qualità”. L’AIWP ha collaborato con UNI per elaborare la prassi di riferimento UNI/PdR61 grazie alla quale un Wedding planner e un Destination wedding planner possono dimostrare le proprie competenze a livello internazionale non sulla base di una dichiarazione autoreferenziale, ma attraverso l’attestazione di un soggetto indipendente e imparziale, qual è l’organismo accreditato. A confermare le competenze acquisite ci sarà un esame con due prove scritte e una orale. La certificazione ottenuta vale 5 anni dalla sua emissione ed è valida a livello europeo. “Il tema centrale è la formazione – conclude Clara Trama – che deve essere condotta con corsi di formazione certificati, con rilascio crediti formativi (come dice la PdR che a breve diventerà Norma in UNI ), in pochi giorni “non” si impara una professione seria come quella che noi rappresentiamo e da realtà improvvisate che non offrono competenze reali ma creano solo illusioni. L’Italia è un Paese da sposare, facciamolo bene. I sogni non si improvvisano!” Per qualsiasi informazione o approfondimento https://associazioneitalianaweddingplanner.it/
 
Contatti: https://associazioneitalianaweddingplanner.it/
 —immediapress/politica-pawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Scritto da: Redazione

Rate it

Post simili

Aziende - Comunicati ADNKRONOS

“Sicilia, le eccellenze sanitarie ci sono e la mobilità passiva extraregionale si combatte con i nostri professionisti e una efficace comunicazione”

(Adnkronos) - Multidisciplinarietà, medici e operatori sanitari di alto livello, nuovi interventi di edilizia sanitaria e lotta alla mobiltà passiva: il Commissario dell’Arnas Civico di Palermo Walter Messina interviene all’evento su PDTA del tumore dell’endometrio. Palermo, 1° marzo 2024 - “Lavorare in team è uno degli elementi fondamentali per dare valore […]

todayMarzo 1, 2024


CASA RADIO powered by Bricks Advisoring and Consulting srls

Via Adriano Fiori 20/c – Roma – Partita Iva 15463941003 – Tel. +39 0621701498 – email: info@casaradio.it

Iscrizione al Tribunale Ordinario di Roma Sezione per la Stampa e l’Informazione al numero 40/2023 

LICENZA SIAE NUMERO: 202100000684

LICENZA ITSRIGHT NUMERO: 0012816

LICENZA SCF NUMERO: 65/5/22

CONTATTI

ufficiostampa@casaradio.it

commerciale@casaradio.it

eventi@casaradio.it

0%